I Veterani di Arona al 38°cimento invernale

11-02-2014 09:00 -

92 i temerari (numero record di partecipanti) , protagonisti del 38° cimento invernale che, domenica mattina 9 Febbario , si sono tuffati nella acque del lago Maggiore ad Arona, sfidando le temperature non proprio estive : 6° la temperatura esterna, mentre la temperatura dell´acqua era di 5°.
La manifestazione, organizzata dalla Pro Loco di Arona, ha esordito all´inizio del secolo e, in fasi alterne, si è svolta sino al secondo conflitto mondiale. Venne rilanciata nel 1972 grazie a Alessandro Ferrari, mitico insegnante di nuoto . Il cimento è intitolato a lui e a Giuseppe De Micheli, campione italiano di nuoto a cavallo delle due guerre.
Molti i giovanissimi (ben 10 sotto i 13 anni). La tuffatrice più giovane è stata Martina Tarabbia, classe 2005, mentre il tuffatore più giovane , anche lui classe 2005, è stato Jashua Zani: sia per Martina che per Jashua si è trattata della seconda esperienza. La palma di tuffatore veterano è andata invece a Severino Mora, classe 1944, di Prato Sesia,alla 10a edizione : a lui , il presidente della sezione di Arona dei Veterani dello sport , Nino Muscarà, ha consegnato una coppa, quale partecipante più anziano. Alla tuffatrice più anziana , Angela Granieri, è stato assegnata la coppa in memoria di Sandro Ferrari.
Questa edizione ha visto al battesimo del tuffo ben 25 nuovi temerari: fra loro i più giovani sono stati Luca Trentin , classe 2003 e Alice Brusetti, classe 2005. Il record di partecipazioni resiste ben saldo nelle mani di Alberto Tampieri , con ben 36 edizioni alle spalle (ha iniziato all´età di 10 anni) .
L´evento , ha richiamato , come al solito, un folto pubblico di spettatori che, infreddoliti, hanno applaudito con ammirazione la performance dei novelli pinguini.