Festa d´estate dei veterani dello sport di Asti

15-07-2014 14:23 -

Festa d´estate per i Veterani dello Sport di Asti presso il ristorante "Da Enzino" a Revigliasco. Come tradizione durante la serata sono stati premiati anche due personaggi che hanno dato molto o iniziano dare allo sport. Una storia bella, affascinante, esaltante e sicuramente un vanto per la nostra città quella di Walter Pescarmona, saltatore con l´asta dal 1956 al 1966. Classe 1939, diventò campione italiano universitario nel maggio 1959 a Bologna saltando metri 3,60. L´anno prima aveva indossato la maglia azzurra a Cuneo contro la Francia dove si era piazzato terzo con metri 3,75. Un astro nascente è invece lo sciatore Niccolò Lanfranco che fa parlare di Asti in molte parti dell´Italia; quest´anno, oltre a molte gare vinte, ai campionati italiani di sci a Pozza di Fassa, si è piazzato 2° nella combinata, 2° nel SG, 4° nel GS, 7° nel SL. Paolo Cavaglià, presidente della Sezione Giovanni Gerbi di Asti (fondata nel 1967 e che attualmente conta 133 soci) ha premiato con il distintivo d´argento il consigliere Walter Gavazza, per l´impegno profuso per accrescere lo sviluppo ed il prestigio dell´Unvs. Premiato anche Teresio Gonella per aver contribuito all´iscrizione di nuovi soci (è la settima volta che la sezione di Asti viene premiata e da quattro anni è la prima del Nord Italia). "Quest´anno in ambito nazionale si festeggiano i 60 anni della fondazione dell´Associazione Unione Nazionale Veterani dello Sport, associazione "benemerita" del Coni con oltre 147 sezioni sparse in tutta Italia, dalla Valle d´Aosta alla Sicilia con oltre 12mila soci. Il nostro obiettivo è quello della salvaguardia dei veri valori dello sport, quindi avvicinare i giovani a questo mondo e far capire loro che lo sport è amore, solidarietà e gioia di vivere assieme. Stiamo verificando le potenzialità operative per incrementare l´azione di promozione sportiva interna ed esterna all´Unione e per rafforzare il nostro impegno nell´ambito di un processo di progressivo consolidamento dell´etica sportiva". Queste le parole del presidente che chiudono la serata, dopo aver ascoltato due motivi musicali e prima della vittoriosa partita del campionato mondiale di calcio Italia-Inghilterra.