20 Aprile 2018
[]

news
percorso: Home > news > Dalle Sezioni
www.unvsliguria.it

CARLO DELFINO, IN MEMORIA DI RENZO BARDELLI

11-03-2018 15:05 - Dalle Sezioni
Renzo Bardelli (foto Castellani)
Schivo, riservato, ma anche fieramente testardo e in alcune occasioni pirotecnico, tu Renzo hai costruito sulla coerenza una carriera, in fondo un´intera vita, con il rischio (o il vanto) di "andare a sbattere" pur di cavalcare e divulgare i tuoi ideali. Sei stato unico, è innegabile. Un´unicità, un esempio, un punto di riferimento. Non un maestro, perchè la tua discrezione e la tua educazione, lasciavano la ribalta agli interlocutori, e ti impedivano di impartire lezioni che avresti potuto benissimo infarcire di professionalità e stile.
Autorevole più che autoritario, hai organizzato, scritto, commentato e raccontato ciclismo, sport e vita. Preciso, rigoroso, ma mai sopra le righe, hai dato fiato e visibilità allo sport in senso lato, cavalcando, con inarrivabile passione, discipline meno considerate. Hai dato popolarità e impulsi a giovani atleti incoraggiandoli a proseguire lungo percorsi agonistici magari solo discreti, concedendo loro quella considerazione che, vista dalla prospettiva della passione, conta più del mero risultato sportivo che è quasi sempre privilegio di pochi. Ecco perché la Tua eredità è pesante, ma alla stessa stregua molto stimolante. Da dietro la tua scrivania, soffocata da chili di scartoffie, ti sei posto con discrezione quale punto di riferimento indicando la strada della cura, dell´attenzione etica, della correttezza e della passione, cavallo di battaglia imprescindibile.
Caro Renzo, nel momento del mio sincero contributo alla tua memoria, mi è evidente quanto il mio percorso morale fosse legato al tuo e quanto, già da oggi, sentirò la mancanza del tuo sorriso.

CARLO DELFINO


A seguire articolo apparso su: http://www.ponentevarazzino.com/2013/06/03/51444/

Sabato 1 giugno 2013 il varazzino Carlo Delfino, medico appassionato di ciclismo e autore di molti libri sulla storia del popolare sport, è stato nuovamente premiato al "Memorial Giampaolo Bardelli" di Pistoia, unica iniziativa al mondo attenta ai meriti dell´antidoping e dello sport pulito, giunta ormai alla sua 29° edizione.
E, così, dopo l´attestato ricevuto nel 2010 e riservato agli scrittori-giornalisti del ciclismo "Eroico", condiviso con il collega Giampiero Petrucci, per la loro incessante produzione letteraria sul ciclismo degli anni ´30 e ´40, per ultimo "Il primo volo dell´Airone" in ricordo di Fausto Coppi, eccolo ora ricevere la pregiata "brocca di rame" della tradizione toscana.
Carlo Delfino è stato invitato a Pistoia per partecipare al Memorial organizzato per ricordare Giampaolo Bardelli, illuminato dirigente pistoiese, e per ricevere il premio assegnatogli dalla giuria con la seguente motivazione: "Concilia il ruolo di medico di famiglia con plurimi impegni trentennali nel mondo dello sport; organizza nella sua città manifestazioni legate alle due ruote e come appassionato del bel ciclismo è autore di alcuni interessanti libri storici che mettono in risalto eroiche figure ed esemplari fatti ed aneddoti a pochi noti."
L´attesa manifestazione, voluta dal fratello Renzo Bardelli, oltre al noto medico varazzino, ha visto alternarsi al microfono e sul palco Vincenzo Nibali, fresco vincitore del recente giro d´Italia, Alfredo Martini, corridore degli anni ´40 e ´50 e indimenticato commissario tecnico della Nazionale, Pippo Simeoni, vittima di "mobbing" da parte del pluridrogato Lance Armstrong e Cristiano Gatti, giornalista di "Tuttobici".



Fonte: UNVS Varazze - Varazze

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.

Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio