23 Ottobre 2020
news
percorso: Home > news > Dalle Sezioni
www.unvsliguria.it

processo al doping: i casi che hanno segnato la storia dello sport

20-01-2017 09:30 - Dalle Sezioni
Processo al Doping
La Sala della Sibilla, al Priamar, è completamente gremita. 260 studenti prendono appunti. Dirigenti sportivi e semplici cittadini ascoltano con interesse. Sul banco degli imputati il "Doping". Non è il "solito" convegno. E´ un vero e proprio Processo promosso nell´ambito del progetto finanziato dal Ministero della Salute e promosso da Regione Liguria, ASL 2 Savonese e ISMAC–CNRcon la collaborazione del nostro progetto Stelle nello Sport.
Rachele Donini (responsabile attività di prevenzione del Ser.T. dell´ASL2 Savonese), introduce in aula, il magistrato savonese Fiorenza Giorgi è ovviamente il giudice con l´accusa rappresentata dal Professor Sandro Donati, maestro di sport e allenatore FIDAL e la difesa impersonata dall´avvocato Camilla Fasciolo.
Tra i testimoni il nostro direttore, Michele Corti, che ha ripercorso per la giuria e il pubblico i casi che hanno segnato la storia del doping nello sport.

Thomas Hicks, il primo caso di doping (non sanzionato) nella storia (St.Louis 1904)
Thomas Hicks
Maratoneta statunitense, si mise al collo la medaglia d´oro ai Giochi di St. Louis del 1904 dopo che per due volte, lungo il tragitto, il suo allenatore gli aveva somministrato tramite iniezioni del solfato di stricnina (uno stimolante particolarmente diffuso in quegli anni che oggi, in quantità maggiori, viene usato come veleno per topi). nonostante il palese utilizzo di uno stimolante in gara, Hicks non andò incontro ad alcuna squalifica. Questo accadde perché nel 1904 non esisteva ancora l´antidoping e non si parlava di sostanze proibite.

La prima squalifica e la nascita dei controlli anti doping alle Olimpiadi
Hans Lilyenwall
Alle Olimpiadi di Roma del 1960, il ciclista danese Knud Enemark Jensen cade durante la 100 chilometri a squadre ed entra in coma. All´inizio si pensa a un malore causato dalla calura estiva – quel giorno a Roma fanno 42 gradi – ma l´autopsia chiarirà che il ciclista danese aveva fatto uso di sostanze dopanti. Qualche anno dopo la tragedia, nel 1967, il Comitato olimpico (Cio) decide di istituire una commissione medica e di iniziare i controlli antidoping nei successivi giochi, quelli invernali ed estivi del 1968.
E proprio a Città del Messico il Cio applica la prima squalifica per doping. Con lo svedese Hans LilJenwall che sarà ricordato negli annali come il primo atleta nella storia dei Giochi olimpici ad essere escluso per uso di sostanze illegali. Gareggiava nel pentathlon e fu trovato con una quantità eccessiva di alcol nel corpo. Lui si giustificò dicendo che aveva bevuto due birre per stemperare la tensione, ma dovette comunque restituire la medaglia. La squalifica di LilJenwall valse il bronzo alla squadra atletica della Svezia.

Il caso Ben Johnson alle Olimpiadi di Seul 1988
Ben Johnson
Fu campione olimpico dei 100 piani a Seul 1988 per una manciata di giorni, poi venne squalificato perché trovato positivo agli steroidi in un controllo antidoping effettuato su un campione di urina poco dopo la gara. Al giamaicano naturalizzato canadese venne ritirata la medaglia d´oro (assegnata a Carl Lewis) e il record del mondo di 9.67, corso nella finale, venne cancellato. Stesso destino toccò poco dopo al primato che Johnson aveva realizzato ai Mondiali del 1987, eliminato dagli annali dopo l´ammissione dell´atleta di aver fatto uso di sostanze dopanti anche in quell´occasione. Johnson scontò la squalifica, cercò di rientrare ma nel 1993 fu nuovamente trovato positivo dopo una gara e a quel punto fu radiato a vita.

Diego Armando Maradona, doppia squalifica negli anni 90
Diego Armando Maradona
Diego Armando Maradona, probabilmente il più grande calciatore di tutti i tempi, è stato squalificato due volte per doping. La prima volta nel 1991, quando fu trovato positivo alla cocaina: fu squalificato per due anni e l´episodio segnò la fine della sua carriera al Napoli. La seconda volta durante i mondiali di calcio del 1994, ai quali Maradona era arrivato dopo molte traversie fisiche e tecniche: giocò bene la prima partita, segnando anche un gol, ma fu trovato positivo all´efedrina, una sostanza stimolante, prima della fine del girone di qualificazione. La FIFA espulse Maradona dalla competizione.

Il caso Krieger, la donna diventata uomo a causa degli steroidi
Andreas Krieger
Andreas Krieger è nato nel 1966 a Berlino e fino al 1997 era una donna, Heidi Krieger. Come Heidi Krieger ha gareggiato agli europei di atletica del 1986 e ai Giochi olimpici del 1988 con la nazionale della Germania Est. Come molti atleti suoi connazionali, Krieger era pesantemente dopata. Cominciò ad assumere steroidi all´età di 16 anni e in gran quantità. Soltanto nel 1986 assunse quasi 2.600 milligrammi di steroidi, 1.000 in più di quelli assunti da Ben Johnson alle Olimpiadi del 1988 in un altro clamoroso caso di doping. Le sostanze dopanti assunte per anni trasformarono il suo corpo e le diedero grandi problemi di salute, tanto da costringerla nel 1997 a sottoporsi a un intervento chirurgico, cambiare sesso e diventare uomo. Lo stesso Krieger ha detto che i farmaci assunti sono stati determinanti nel definire la sua identità sessuale. Oggi esiste un premio "Heidi Krieger" che viene assegnato ogni anno in Germania a chi si batte contro il doping.

Il Caso Pantani
Marco Pantani
Il ciclista italiano Marco Pantani, vincitore di un Giro d´Italia e di un Tour de France, fu escluso dal Giro del 1999 a causa di un valore di ematocrito nel sangue superiore alla soglia consentita. Pantani si trovava all´apice della sua carriera, un anno prima aveva vinto sia il Giro che il Tour: sarà sospeso per 15 giorni, trovandosi costretto a lasciare la gara, e non sarà mai squalificato per doping, per quanto gli alti valori di ematocrito, pericolosi per la salute, segnalassero la possibile assunzione di eritropoietina (EPO). L´episodio segnò la fine della carriera ad altissimi livelli di Pantani, che ebbe poi grandi problemi di depressione e morì il 14 febbraio del 2004 per un´overdose di cocaina.

Lance Armstrong, il cowboy che conquistò la Francia mentendo
Lance Armstrong
Professionista dal 1992 al 2011, aveva conquistato per sette volte consecutive il Tour de France (record nella storia della corsa francese) dal 1999 al 2005, ma queste vittorie – come tutti i suoi risultati ottenuti dal 1º agosto 1998 alla fine della carriera, tra cui anche la medaglia di bronzo vinta nella prova a cronometro ai Giochi della XXVII Olimpiade del 2000 – sono state revocate dall´UCI e dal CIO tra la fine del 2012 e l´inizio del 2013 in seguito a un´inchiesta condotta dall´United States Anti-Doping Agency (USADA), che ha accertato il sistematico utilizzo di pratiche dopanti da parte di Armstrong e della sua squadra, l´US Postal, in tale periodo.

Marion Jones, il caso BALCO a Sydney 2000
Marion Jones
Fu la regina dell´atletica delle Olimpiadi australiane, da cui portò a casa ben cinque medaglie (tre d´oro, nei 100 e 200m e nella staffetta 4x400m e due di bronzo, nel salto in lungo e nella staffetta 4x100m), ma nel 2007, dopo essere stata accusata di aver fatto uso di doping e dopo il suo coinvolgimento nelle indagini su una casa famraceutica americana, la BALCO, fu lei stessa a dichiarare di aver assunto sostanze proibite prima, durante e dopo i Giochi Olimpici di Sydney e a restituire le medaglie vinte in quell´occasione. Pochi giorni dopo la Iaaf invalidò tutte le prestazioni della statunitese dal 2000 al 2004, comprese quelle in staffetta.

Barry Bonds, il caso Balco nel baseball
Barry Bonds
Il giocatore di baseball americano Barry Bonds. Iniziò a giocare con i Pittsburgh Pirates nel 1986 e passò ai San Francisco Giants nel 1993, dove rimase fino alla fine della carriera nel 2007. Il 4 agosto dello stesso anno segnò il suo 755esimo Home run, stabilendo un nuovo record. Nel 2003 fu uno dei principali atleti indagati nel caso BALCO, un´azienda accusata di distribuire sostanze dopanti agli atleti. Bonds fu accusato di aver assunto steroidi, come testimonierebbe un notevole miglioramento della sua forma fisica. Bonds ammise di aver consumato prodotti dell´azienda su suggerimento del suo allenatore senza sapere che si trattasse di sostanze dopanti e credendole invece balsami o integratori. Nel 2011 però è stato condannato per falsa testimonianza sull´assunzione di steroidi.

Kenteris-Thanou, gli eroi decaduti prima di Atene 2004
Kenteris e Thanou
Con la vittoria nei 200 metri a Sydney 2000, Kenteris divenne un vero e proprio eroe in Grecia, tanto da essere scelto come alfiere della nazionale padrona di casa ai Giochi di Atene 2004. Kostas, però non prese parte alla né cerimonia di apertura né tanto meno alle gare. Finse di aver avuto un incidente in moto insieme alla connazionale e compagna di squadra Ekaterini Thanou (argento a Sydney nei 100 m) pochi giorni prima dell´inizio dei Giochi, per giustificare il loro non essersi presentati ai controlli antidoping di rito; poco dopo entrambi annunciarono la loro intenzione di non partecipare alle competizioni "per il bene della nazione". Riceveranno tutti e due, in seguito, una squalifica per violazione delle procedure antidoping.

L´Operacion Puerto, il ciclismo (di nuovo) alla sbarra
Ivan Basso
E´ l´indagine relativa al doping che ha scioccato il mondo del ciclismo tra il 2006 e il 2007. I principali accusati sono Eufemiano Fuentes, medico di diverse squadre ciclistiche, e Manolo Saiz, al momento dell´arresto direttore sportivo della squadra Liberty Seguros. Secondo l´accusa Fuentes e Saiz erano a capo di una organizzazione che si dedicava alla gestione di autoemotrasfusioni, alla vendita di sostanze dopanti, quali EPO, ormoni della crescita, anabolizzanti, e alla pianificazione del loro utilizzo. In totale dagli elenchi cifrati sequestrati dalla Polizia sono emersi i nomi di 58 ciclisti professionisti tra cui campioni del calibro di Contador, Valverde, Ullrich, Ivan Basso, Michele Scarponi gettando l´ombra del doping anche su Mario Cipollini. Il sospetto dell´accusa, mai accertato, è che anche altri atleti di calcio, pallamano e tennis abbiano approfittato delle pratiche di Sainz e Fuentes ma nessun nome è mai emerso.

Davide Rebellin, il ciclista italiano condannato e poi assolto dopo Pechino 2008
Davide Rebellin
Guardando agli atleti di casa nostra e passando dall´atletica al ciclismo, nel 2009 la squalifica per positività al CERA costò a Davide Rebellin la revoca della medaglia d´argento conquistata ai Giochi Olimpici di Pechino 2008. Nonostante il ricorso del veneto, che denunciava anomalie procedurali da parte del CIO, il TAS di Losanna confermò la squalifica. Il 30 aprile del 2015 Rebellin è stato, però assolto in modo "postumo" dall´accusa di positività per mancanza di prove.

Kim Jong Su, il doping dei betabloccanti negli sport di precisione (Pechino 2008)
Kim Jong Su
Vinse la medaglia d´argento nella pistola da 50 metri e quella di bronzo nella pistola da 10 metri, ma la gloria olimpica del nord coreano Kim Jong Su durò giusto il tempo di un battito d´ali. Dopo averlo trovato positivo ai betabloccanti, sostanze che rallentano il battito cardiaco e quindi diminuiscono il tremore delle mani quando si prende la mira per sparare, Il CIO decise di squalificarlo e di revocargli immediatamente le due medaglie.

Il caso Schwazer
Alex Schwazer
Dopo essere risultato positivo ad un controllo anti-doping alla vigilia dei Giochi olimpici di Londra 2012, venne squalificato dal Tribunale Nazionale Antidoping fino al 29 aprile 2016. Rientrato in attività in occasione dei Mondiali a squadre di marcia 2016, vince la 50 km ottenendo la qualificazione per i Giochi olimpici di Rio de Janeiro 2016. Il 22 giugno 2016 viene comunicato alla FIDAL che Schwazer risulta nuovamente positivo ad un controllo anti-doping su un campione di urine prelevatogli in un controllo a sorpresa il 1º gennaio 2016 (la sostanza dopante sarebbe testosterone). Per questo la IAAF (Federazione Internazionale di atletica leggera) decide di sospenderlo in via cautelare in attesa della decisione finale.Il 10 agosto 2016 il TAS (Tribunale Arbitrale dello sport), considerata la seconda violazione delle norme antidoping, squalifica l´atleta per 8 anni.[4][5] Come diretta conseguenza della squalifica, oltre a non poter partecipare ai Giochi olimpici di Rio 2016, tutti i suoi risultati sportivi del 2016 sono stati cancellati.

Maria Sharapova, il Meldonium ferma la regina del tennis
Maria Sharapova
Il 7 marzo 2016, in conferenza stampa, dichiara di essere stata trovata positiva al controllo antidoping (assunzione del farmaco Meldonium), su un campione fornito nell´ambito del TADP (Tennis Anti-Doping Programme) il 26 gennaio, durante gli Australian Open. La decisione della ITF riguardo la squalifica arriva tre mesi più tardi: Marija Šarapova potrà riprendere a giocare solamente a partire dal 26 gennaio 2018.Il Meldonium era stato aggiunto alla lista delle sostanze proibite il 16 settembre 2015, con effetto a partire dal 1 gennaio 2016.Tramite Facebook, la tennista russa esprime l´intenzione di ricorrere in appello contro la squalifica, precisando che l´ITF aveva deliberato che la violazione fosse stata di natura non intenzionale.
Il 4 ottobre il Tribunale Arbitrale dello Sport rende noto l´esito del ricorso. La pena, dai 24 mesi iniziali, si riduce a 1 anno e 3 mesi, permettendo così alla russa di tornare nell´aprile del 2017. Sempre tramite Facebook, la tennista esprime la sua voglia di ritornare a giocare e scrive anche che questo "è uno dei giorni più belli della sua carriera".

La Russia e il doping di stato
Doping di stato in Russia
E´ un uragano quello che si è abbattuto sull´atletica russa. La Commissione della Wada, l´agenzia mondiale antidoping presieduta dal canadese Dick Poound, ha presentato un report dai riscontri agghiaccianti. La Russia avrebbe praticato negli ultimi anni un vero e proprio doping di Stato creando una organizzazione interamente votata alla manipolazione dei risultati. Chiesta anche la radiazione a vita di cinque atleti, tra cui i nomi più noti sono quelli dell´olimpionica degli 800 a Londra, Marya Savinova e della terza di quella gara, Ekaterina Poistogova. Chiesta la squalifica per due anni di tutti gli atleti russi. E quindi niente olimpiadi e niente europei.
Alle Olimpiadi di Rio 2016 la decisione di ammettere o meno gli atleti russa fu presa dalle singole federazioni sportive Mondiali, diverso invece il metro alle Paralimpiadi dove invece non è stato ammesso nessun atleta russo.

https://www.youtube.com/watch?v=W1dkfoo4aBY

http://www.stellenellosport.com/2017/01/19/processo-al-doping-casi-segnalo-la-storia-dello-sport/

MARCO CALLAI


Fonte: UNVS Savona - Savona

Realizzazione siti web www.sitoper.it
Il prodotto è stato inserito nel carrello

continua lo shopping
vai alla cassa
close
Richiedi il prodotto
Inserisci il tuo indirizzo email per essere avvisato quando il prodotto tornerà disponibile.



Richiesta disponibilità inviata
Richiesta disponibilità non inviata
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Privacy Policy per www.unvs.it
Il sito web www.unvs.it raccoglie alcuni dati personali degli utenti che navigano sul sito web.

In accordo con l´impegno e l´attenzione che poniamo ai dati personali e in accordo all´artt. 13 e 14 del EU GDPR, www.unvs.it fornisce informazioni su modalità, finalità, ambito di comunicazione e diffusione dei dati personali e diritti degli utenti.

Titolare del trattamento dei dati personali
Unione Nazionale Veterani dello Sport
Via Piranesi, 46
20137 - Milano (MI) Italia
C.F. 80103230159

Email: segreteria.unvs@libero.it
Telefono: 0270104812

Tipi di dati acquisiti
www.unvs.it raccoglie dati degli utenti direttamente o tramite terze parti. Le tipologie di dati raccolti sono: dati tecnici di navigazione, dati di utilizzo, email, nome, cognome, numero di telefono, provincia, nazione, cap, città, indirizzo, ragione sociale, stato, cookie e altre varie tipologie di dati. Maggiori dettagli sui dati raccolti vengono forniti nelle sezioni successive di questa stessa informativa.
I dati personali sono forniti deliberatamente dall´utente tramite la compilazione di form, oppure, nel caso di dati di utilizzo, come ad esempio i dati relativi alle statistiche di navigazione, sono raccolti automaticamente navigando sulle pagine di www.unvs.it.

I dati richiesti dai form sono divisi tra obbligatori e facoltativi; su ciascun form saranno indicate distintamente le due tipologie. Nel caso in cui l´utente preferisca non comunicare dati obbligatori, www.unvs.it si riserva il diritto di non fornire il servizio. Nel caso in cui l´utente preferisca non comunicare dati facoltativi, il servizio sarà fornito ugualmente da www.unvs.it .

www.unvs.it utilizza strumenti di statistica per il tracciamento della navigazione degli utenti, l´analisi avviene tramite log. Non utilizza direttamente cookie ma può utilizzare cookie includendo servizi di terzi.

Ciascun utilizzo di cookie viene dettagliato nella Cookie Policy (https://www.unvs.it/Informativa-sui-cookies.htm) e successivamente in questa stessa informativa.
L´utente che comunichi, pubblichi, diffonda, condivida o ottenga dati personali di terzi tramite www.unvs.it si assume la completa responsabilità degli stessi. L´utente libera il titolare del sito web da qualsiasi responsabilità diretta e verso terzi, garantendo di avere il diritto alla comunicazione, pubblicazione, diffusione degli stessi. www.unvs.it non fornisce servizi a minori di 18 anni. In caso di richieste effettuate per minori deve essere il genitore, o chi detiene la patria potestà, a compilare le richieste dati.

Modalità, luoghi e tempi del trattamento dei dati acquisiti
Modalità di trattamento dei dati acquisiti
Il titolare ha progettato un sistema informatico opportuno a garantire misure di sicurezza ritenute adatte ad impedire l´accesso, la divulgazione, la modifica o la cancellazione non autorizzata di dati personali. Lo stesso sistema effettua copie giornaliere, ritenute sufficientemente adeguate in base alla importanza dei dati contenuti.

L´utente ha diritto a ottenere informazioni in merito alle misure di sicurezza adottate dal titolare per proteggere i dati.

Accessi ai dati oltre al titolare
Hanno accesso ai dati personali raccolti da www.unvs.it il personale interno (quale ad esempio amministrativo, commerciale, marketing, legale, amministratori di sistema) e/o soggetti esterni (quali ad esempio fornitori di servizi informatici terzi, webfarm, agenzie di comunicazione, fornitori di servizi complementari). Se necessario tali strutture sono nominate dal titolare responsabili del trattamento.

L´utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, l´elenco aggiornato dei responsabili del trattamento.

Comunicazione di eventuali accessi indesiderati al Garante della Privacy
Il suddetto sistema informatico è monitorato e controllato giornalmente da tecnici e sistemisti. Ciò non toglie che, anche se ritenuta possibilità remota, ci possa essere un accesso indesiderato. Nel caso in cui questo si verifichi il tiolare si impegna, come da GDPR ad effettuarne comunicazione al Garante della Privacy entro i termini previsti dalla legge.

Luoghi di mantenimento dei dati acquisiti
I dati personali sono mantenuti e trattati nelle sedi operative e amministrative del titolare, nonché nelle webfarm dove risiedono i server che ospitano il sito web www.unvs.it, o sui server che ne effettuano le copie di sicurezza. I dati personali dell´utente possono risiedere in Italia, Germania e Olanda, comunque in nazioni della comunità europea. I dati personali dell´utente non vengono mai portati o copiati fuori dal territorio europeo.

Tempi di mantenimento dei dati acquisiti
Nel caso di dati acquisiti per fornire un servizio all´utente, (sia per un servizio acquistato che in prova) i dati vengono conservati per 24 mesi successivi al completamento del servizio. Oppure fino a quando non ne venga revocato il consenso.

Nel caso in cui il titolare fosse obbligato a conservare i dati personali in ottemperanza di un obbligo di legge o per ordine di autorità, il titolare può conservare i dati per un tempo maggiore, necessario agli obblighi.

Al termine del periodo di conservazione i dati personali saranno cancellati. Dopo il termine, non sarà più possibile accedere ai propri dati, richiederne la cancellazione e la portabilità.

Base giuridica del trattamento dei dati acquisiti
Il titolare acquisisce dati personali degli utenti nei casi sotto descritti.
Il trattamento si rende necessario:
- se l´utente ha deliberatamente accettato il trattamento per una o più finalità;
- per fornire un preventivo all´utente;
- per fornire un contratto all´utente;
- per fornire un servizio all´utente;
- perché il titolare possa adempiere ad un obbligo di legge;
- perché il titolare possa adempiere ad un compito di interesse pubblico;
- perché il titolare possa adempiere ad un esercizio di pubblici poteri;
- perché il titolare o terzi possano perseguire i propri legittimi interessi.

L´utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulla base giuridica di ciascun trattamento.

Finalità del trattamento dei dati acquisiti
I dati dell´utente sono raccolti dal titolare per le seguenti finalità:

- informazioni su eventi;
- invio di newsletter pubblicitarie.

Eventualmente i dati possono essere trattati anche per:
contattare l´utente, statistiche, analisi dei comportamenti degli utenti e registrazione sessioni, visualizzazione contenuti e interazione di applicazioni esterne, protezione dallo spam, gestione dei pagamenti, interazione con social network, pubblicità.

L´utente può richiedere in qualsiasi momento al titolare del trattamento, chiarimenti sulle finalità di ciascun trattamento.

Dettagli specifici sull´acquisizione e uso dei dati personali
Per contattare l´utente
Moduli di contatto
L´utente può compilare il/i moduli di contatto/richiesta informazioni, inserendo i propri dati e acconsentendo al loro uso per rispondere alle richieste di natura indicata nella intestazione del modulo.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Modulo di registrazione all´area privata
L´utente può compilare il modulo di registrazione all´area privata del sito web per poter accedere a servizi privati e riservati solo ad utenti iscritti a www.unvs.it, riguardanti servizi privati del sito web, quali ad esempio documenti privati, link privati, comunicazioni, ecc.
Inserendo i propri dati l´utente acconsente al loro uso per l´invio di notifiche riguardanti servizi privati del sito web.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Newsletter o SMS
L´utente può iscriversi alla newsletter del sito web www.unvs.it. All´indirizzo email specificato dall´utente potranno essere inviati messaggi contenenti informazioni di tipo tecnico, informativo, commerciale e/o promozionale.
La registrazione alla newsletter viene eseguita con double opt-in.
All´utente viene inviata una email (all´indirizzo email indicato) con all´interno un link su cui cliccare per confermare che l´utente sia realmente il proprietario dell´indirizzo email.

Lo stesso servizio può essere effettuato tramite SMS.
Dati personali che potrebbero essere raccolti: CAP, città, cognome, email, indirizzo, nazione, nome, numero di telefono, provincia, ragione sociale.

Per gestire i tag
Questi servizi servono per la gestione centralizzata dei tag o script utilizzati sul sito web; acquisiscono dati dagli utenti se se necessario li conservano.

Google Tag Manager
Fornitore del servizio: Google LLC.
Finalità del servizio: servizio di gestione dei tag.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Per gestire pagamenti
Il sito web www.unvs.it utilizza servizi di pagamento per eseguire pagamenti con carta di credito, bonifico bancario o altri strumenti. Il sito web www.unvs.it non raccoglie o acquisisce i dati usati per il pagamento. I dati per il pagamento sono raccolti e acquisiti direttamente dal gestore del servizio di pagamento (ad esempio dall´ente carta di credito o PayPal ecc...)
Questi servizi possono effettuare invio di messaggi verso l´utente, per esempio email o sms di notifiche del pagamento.

I dati acquisiti e l´utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

CartaSi
Fornitore del servizio: Nexi Payments S.p.A.
Finalità del servizio: effettuare pagamenti online
Dati personali raccolti: tipologie di dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio
Luogo del trattamento: secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio
Privacy Policy (https://www.nexi.it/privacy.html)

Per protezione da spam
Questi servizi acquisiscono dati dagli utenti e tramite varie logiche distinguono il traffico di utenti reali da quello di potenziali minacce di spam.

I dati acquisiti e l´utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google reCAPTCHA
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio di protezione da spam
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Cookie utilizzati (https://policies.google.com/technologies/types?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Per statistiche
Questi servizi sono utilizzati dal titolare del trattamento per analizzare il traffico effettuato dagli utenti sul sito web www.unvs.it.

I dati acquisiti e l´utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google Analytics
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio di analisi web fornito. Questo servizio raccoglie i dati personali dell´utente per monitorare e analizzare l´utilizzo del sito web www.unvs.it, generare report e utilizzarli anche per gli altri servizi di Google. Google può usare i dati raccolti per personalizzare i propri annunci pubblicitari.
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Opt-Out (https://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Per visualizzare contenuti da siti web esterni
Questi servizi sono utilizzati per visualizzare sulle pagine del sito web contenuti esterni al sito web, con possibilità di interazione.
Anche se l´utente non utilizza il servizio presente sulla pagina web, è possibile che il servizio acquisisca dati di traffico.

I dati acquisiti e l´utilizzo degli stessi da parte di servizi terzi sono regolamentati dalle rispettive Privacy Policy alle quali si prega di fare riferimento.

Google Fonts
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio per visualizzare caratteri (fonts) esterni sul proprio sito web
Dati personali raccolti: tipologie di dati secondo quanto specificato dalla privacy policy del servizio
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Widget Google Maps
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio per visualizzare e interagire con mappe esterne sul proprio sito web
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Widget Issuu
Fornitore del servizio: Issuu, Inc
Finalità del servizio: servizio di visualizzazione di contenuti digitali
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo

Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://issuu.com/legal/privacy)

Widget Video YouTube
Fornitore del servizio: Google, Inc.
Finalità del servizio: servizio per visualizzare ed interagire con video esterni sul proprio sito web
Dati personali raccolti: cookie, dati di utilizzo
Luogo del trattamento: Stati Uniti
Privacy Policy (https://policies.google.com/privacy?hl=it)
Aderente al Privacy Shield

Diritti dell´interessato
L´utente possiede tutti i diritti previsti dall´art. 12 del EU GDPR, il diritto di controllare, modificare e integrare (rettificare), cancellare i propri dati personali accedendo alla propria area riservata. Una volta cancellati tutti i dati, viene chiuso l´account di accesso all´area riservata.

Nello specifico ha il diritto di:
- sapere se il titolare detiene dati personali relativi all´utente (art. 15 Diritto all´accesso);
- modificare o integrare (rettificare) i dati personali inesatti o incompleti (Art. 16 Diritto di rettifica);
- richiedere la cancellazione di uno o parte dei dati personali mantenuti se sussiste uno dei motivi previsti dal GDPR (Diritto alla Cancellazione, 17);
- limitare il trattamento solo a parte dei dati personali, o revocarne completamente il consenso al trattamento, se sussiste uno dei motivi previsti dal Regolamento (Art. 18 Diritto alla limitazione del trattamento);
- ricevere copia di tutti i dati personali in possesso del titolare, in formato di uso comune organizzato, e leggibili anche da dispositivo automatico (Art. 20, Diritto alla Portabilità);
- opporsi in tutto o in parte al trattamento dei dati per finalità di marketing, ad esempio opporsi e ricevere offerte pubblicitarie (art. 21 Diritto di opposizione). Si fa presente agli utenti che possono opporsi al trattamento dei dati utilizzati per scopo pubblicitario, senza fornire alcuna motivazione;
- opporsi al trattamento dei dati in modalità automatica o meno per finalità di profilazione (c.d. Consenso).

Come un utente può esercitare i propri diritti
L´utente può esercitare i propri diritti sopra esposti comunicandone richiesta al titolare del trattamento Unione Nazionale Veterani dello Sport ai seguenti recapiti: segreteria.unvs@libero.it; tel. 0270104812.

La richiesta di esercitare un proprio diritto non ha nessun costo. Il titolare si impegna ad evadere le richieste nel minor tempo possibile, e comunque entro un mese.

L´utente ha il diritto di proporre reclamo all´Autorità Garante per la Protezione dei dati Personali. Recapiti: garante@gpdp.it, http://www.gpdp.it (http://www.gpdp.it).

Cookie Policy
Si raccomanda di consultare nel dettagli anche la Cookie Policy (https://www.unvs.it/Informativa-sui-cookies.htm).

Informazioni aggiuntive sul trattamento dei dati
Difesa in giudizio
Nel caso di ricorso al tribunale per abuso da parte dell´utente nell´utilizzo di www.unvs.it o dei servizi a esso collegati, il titolare ha la facoltà di rivelare i dati personali dell´utente. È inoltre obbligato a fornire i suddetti dati su richiesta delle autorità pubbliche.

Richiesta di informative specifiche
L´utente ha diritto di richiedere a www.unvs.it informative specifiche sui servizi presenti sul sito web e/o la raccolta e l´utilizzo dei dati personali.

Raccolta dati per log di sistema e manutenzione
www.unvs.it e/o i servizi di terze parti (se presenti) possono raccogliere i dati personali dell´utente, come ad esempio l´indirizzo IP, sotto forma di log di sistema. La raccolta di questi dati è legata al funzionamento e alla manutenzione del sito web.

Informazioni non contenute in questa policy
L´utente ha diritto di richiedere in ogni momento al titolare del trattamento dei dati le informazioni aggiuntive non presenti in questa Policy riguardanti il trattamento dei dati personali. Il titolare potrà essere contattato tramite gli estremi di contatto.

Supporto per le richieste "Do Not Track"
Le richieste  "Do Not Track" non sono supportate da www.unvs.it.
L´utente è invitato a consultare le Privacy Policy dei servizi terzi sopra elencati per scoprire quali supportano questo tipo di richieste.

Modifiche a questa Privacy Policy
Il titolare ha il diritto di modificare questo documento avvisando gli utenti su questa stessa pagina oppure, se previsto, tramite i contatti di cui è in possesso. L´utente è quindi invitato a consultare periodicamente questa pagina. Per conferma sull´effettiva modifica consultare la data di ultima modifica indicata in fondo alla pagina.
Il titolare si occuperà di raccogliere nuovamente il consenso degli utenti nel caso in cui le modifiche a questo documento riguardino trattamenti di dati per i quali è necessario il consenso.

Definizioni e riferimenti legali
Dati personali (o dati, o dati dell´utente)
Sono dati personali le informazioni che identificano o rendono identificabile, direttamente o indirettamente, una persona fisica e che possono fornire informazioni sulle sue caratteristiche, le sue abitudini, il suo stile di vita, le sue relazioni personali, il suo stato di salute, la sua situazione economica, ecc.

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Dati di utilizzo
Sono dati di utilizzo le informazioni che vengono raccolte in automatico durante la navigazione di www.unvs.it, sia da sito web stesso che dalle applicazioni di terzi incluse nel sito. Sono esempi di dati di utilizzo l´indirizzo IP e i dettagli del dispositivo e del browser (compresi la localizzazione geografica) che l´utente utilizza per navigare sul sito, le pagine visualizzate e la durata della permanenza dell´utente sulle singole pagine.

Utente
Il soggetto che fa uso del sito web www.unvs.it.
Coincide con l´interessato, salvo dove diversamente specificato.

Interessato
Interessato è la persona fisica al quale si riferiscono i dati personali. Quindi, se un trattamento riguarda, ad esempio, l´indirizzo, il codice fiscale, ecc. di Mario Rossi, questa persona è l´interessato (articolo 4, paragrafo 1, punto 1), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Responsabile del trattamento (o responsabile)
Responsabile è la persona fisica o giuridica al quale il titolare affida, anche all´esterno della sua struttura organizzativa, specifici e definiti compiti di gestione e controllo per suo conto del trattamento dei dati (articolo 4, paragrafo 1, punto 8), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue). Il Regolamento medesimo ha introdotto la possibilità che un responsabile possa, a sua volta e secondo determinate condizioni, designare un altro soggetto c.d. "sub-responsabile" (articolo 28, paragrafo 2).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

Titolare del trattamento (o titolare)
Titolare è la persona fisica, l´autorità pubblica, l´impresa, l´ente pubblico o privato, l´associazione, ecc., che adotta le decisioni sugli scopi e sulle modalità del trattamento (articolo 4, paragrafo 1, punto 7), del Regolamento UE 2016/679 (http://www.garanteprivacy.it/regolamentoue).

Fonte: sito web del Garante della Privacy (http://www.garanteprivacy.it).

www.unvs.it (o sito web)  
Il sito web mediante il quale sono raccolti e trattati i dati personali degli utenti.

Servizio
Il servizio offerto dal sito web www.unvs.it come indicato nei relativi termini.

Comunità Europea (o UE)
Ogni riferimento relativo alla comunità Europea si estende a tutti gli attuali stati membri dell´Unione Europea e dello Spazio Economico Europeo, salvo dove diversamente specificato.

Cookie
Dati conservati all´interno del dispositivo dell´utente.

Riferimenti legali
La presente informativa è redatta sulla base di molteplici ordinamenti legislativi, inclusi gli artt. 13 e 14 del Regolamento (UE) 2016/679. Questa informativa riguarda esclusivamente www.unvs.it, dove non diversamente specificato.

Data ultima modifica: 06/07/2018
torna indietro leggi Privacy Policy per www.unvs.it  obbligatorio