26 Gennaio 2022

Progetto Be Active Stay Young

Progetto Be Active Stay Young
missione compiuta


Il Progetto Be Active Stay Young che ha coinvolto nel corso del 2019 e 2020 l'Unione Nazionale Veterani dello Sport utinatmente all'Associazione di Promozione Sociale – Asi Ciao e dell’Ente di Promozione Sportiva riconosciuto dal CONI – Centro Nazionale Sportivo Libertas può dirsi concluso.

Si è trattato di un lungo e positivo viaggoi in 24 province italiane con l’obiettivo di lasciare in eredità all’Italia un nuovo modello in grado di aumentare e migliorare la qualità della vita delle persone con più di 50 anni di età (il target ideale è stato formato da donne con più di 50 anni di età; uomini over 60 in sovrappeso; uomini e donne sopra i 65 anni.

Un progetto di alto valore sportivo e sociale che ha saputo mettere a fattor comune gli aspetti della salute e dei corretti stili di vita, della sana alimentazione, della promozione dell’attività fisica e sportiva per raggiungere l’obiettivo di favorire il benessere psico-fisico e l’abbattimento della solitudine delle persone ultra 50enni coinvolte.

Facendo leva sullo sport, sulle attività socializzanti ed anche su tutte quelle prassi che riguardano la corretta alimentazione, Be Active Stay Young è riuscito a incentivare le persone coinvolte ad assumere uno stile di vita correttoportando loro benefici sia nel breve periodo sia nel lungo termine.

Le valenze mediche del progetto sono state al centro di questa iniziativa: praticare bene un’attività sportiva significa alimentarsi correttamente. Una dieta equilibrata spesso, però, non basta a soddisfare le richieste nutrizionali di un atleta. La dieta, come lo sport, è simile ad un farmaco: una dose eccessiva fa male, una dose minima è quasi inutile.

Si è trattato di un progetto che ha coinvolto in tutta Italia7.200 individui over 50. Successivamente ridotti a 3.600 (720 donne con più 50 anni di età – 30 per provincia; 720 uomini over 60 in sovrappeso – 30 per ogni provincia coinvolta; 2.160 uomini e donne sopra i 65 anni – 90 per ciascuna provincia) dando modo di realizzare attraverso interviste qualitative scrupolose e attente un fedele monitoraggio di abitudini e pratiche. Tra le 7.200 persone individuate ne sono poi state selezionate 360 che hanno preso parte al programma sperimentale. 3 donne per provincia sono state coinvolte in un programma specifico per contrastare gli effetti negativi della menopausa, 3 over 60 in sovrappeso dei 720 selezionati sono entrati nel piano specifico sull’alimentazione e 9 over 65, residenti sempre nei territori interessati da Be Active Stay Young, hano preso parte alle attività che hanno avuto come obiettivo il miglioramento della qualità della vita dopo i 65 anni.

Se il progetto in sé aveva lo scopo di coinvolgere molte sezioni UNVS in tutta Italia e sensibilizzarle, grazie anche ad una massiccia campagna di comunicazione, Be Active Stay Young ha avuto ottimo impatto sulla società anche in prospettiva. E' stato infatti redatto un programma pilota che, essendo stato testato per rispondere alle specifiche esigenze dei target in questione, potrà essere adottato in tutta Italia dai centri sportivi, dai centri anziani e dalle associazioni ricreative. Inoltre, affinché questo modello innovativo possa essere replicato su tutto il territorio nazionale, sono stati formati 48 operatori che acquisiranno e svilupperanno in futuro competenze specifiche.

L’iniziativa dell’Unione Nazionale Veterani dello Sport, di Asi Ciao e del Centro Nazionale Sportivo Libertas è stata patrocinata da CONI, ANCI, Federsanità-ANCI, Fondazione Sicurezza in Sanità, Happyageing e dalla Regione Abruzzo, Regione Basilicata, Regione Emilia-Romagna, Regione Lazio, Regione Liguria, Regione Piemonte, Regione Autonoma della Sardegna, Regione Sicilia, Regione Toscana, Regione Autonoma Valle d’Aosta e Regione Veneto.






Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie